In breve

10/12/2018

Pier Gremmo Cassiere della Sezione di Biella è "Andato Avanti"


01/11/2018

Restaurato il Ponte degli Alpini


01/11/2018

Festa del gruppo


01/11/2018

Lavori di restauro alla Chiesetta San Maurizio


Pagina 1 di 11  >  >>


Add some images first for Slideshow:8
01/11/2018

Monte Solarolo


Pellegrinaggio della Sezione di Biella al Monte Solarolo



I cento anni della fine della Grande Guerra dovrebbero essere una ricorrenza coinvolgente per tutto il Paese. In particolare per le nuove generazioni: potrebbero capire che molti dei benefici e delle libertà di cui godono lo devono a quella gioventù. In quel terribile olocausto, come ha sottolineato più volte il nostro presidente, tanti giovani persero il diritto più prezioso per l’uomo… il diritto alla vita! Senza ombra di dubbio la ricorrenza coinvolge, da diversi anni, noi alpini con migliaia di iniziative e commemorazioni in tutta Italia, soprattutto nelle zone teatro di guerra. Anche la nostra Sezione, grazie alla commissione centro studi, ha fatto la sua parte:promuovendo la mostra itinerante che, al pari di una “icona”, ha pellegrinato per tutti i gruppi del biellese epromuovendo conferenze ed incontri in numerosi istituti scolastici coinvolgendo gli studenti. Così come il nostro Tucc’ Un che ha ospitato in tutti i numeri, dal 2015 ad oggi, una pagina speciale sulla Grande Guerra.
A rafforzare il nutrito programma, per il centenario, attendeva la nostra sezione anche un appuntamento al quale non potevamo proprio mancare: il pellegrinaggio fra le creste che dal Grappa portano al monte Solarolo. Così, sabato 8 settembre a Bassano del Grappa, nella sede sezionale con stupenda vista sul ponte, c’è stato un cordialissimo incontro che ha visto protagonisti, oltre alla delegazione biellese, il presidente  sezionale Giuseppe Rugolo, il presidente di Biella Marco Fulcheri ed il pastpresident Corrado Perona. Nessun discorso ufficiale, un semplice scambio di crest, visita al museo e tanta amicizia, innaffiata da un calice di prosecco. I partecipanti hanno poi raggiunto Crespano del Grappa, sistemandosi nel monumentale complesso scolastico “Filippin” e visitando la sede invernale dell’omonimo gruppo, accolti dal capogruppo Pietro Torresan, dal suo predecessore Remigio Torresan e dai suoi stupendi collaboratori. Ma siccome ospitalità, accoglienza e affabilità, da quelle parti non fanno difetto, la cena, nella stupenda sede estiva del gruppo econ la presenza fra le autorità,del sindaco di Crespano, Annalisa Rampin non poteva che essere… ottima. Il giorno dopo, di buon mattino, partenza per il monte Grappa per raggiungere, a piedi, il monte Solarolo; per chi non era in grado di farsi la scarpinata… piano B: la possibilità di raggiungere in fuoristrada le ultime malghe, a pochi minuti dalla vetta. Gli alpini di Crespano, con il loro capogruppo, non hanno voluto lasciarci soli nel pellegrinaggio. Quasi più numerosi di noi, con gli zaini ed i basti carichi di generi di conforto e strumenti musicali per la cerimonia, ci hanno accompagnato per quelle creste che loro conoscono bene. Di qui in poi solo emozioni! Ripercorrere gli stessi sentieri dove cento anni prima avevano combattuto numerosi battaglioni piemontesi, fra i quali il Btg. Aosta, l’unico decorato di M.O. V.M., è stato, a dir poco, commovente; andare poi con il pensiero al ten. Mario Cucco decorato di due medaglie d’argento che, su queste balze, lasciò la vita e chelì avremmo ricordato assieme a tutta la gioventù che non ritornò a baita, ha richiesto… un cuore forte.  Tutti gli alpini sono arrivati, tutto è pronto davanti al cippo e la croce voluta dalla sezione di Biella del monte Solarolo. Gli ordini sono precisi: alzabandiera, inno di Mameli, il Piave, il Silenzio, la corona della Sezione. Il pellegrinaggio per ricordare gli eroi dei Solaroli è compiuto. Una cerimonia semplice, nell’immensità di quelle montagne, fra i resti delle trincee, delle buche, delle gallerie scavate da quei giovani titani. Dei bellissimi interventi di Corrado Perona, del presidente Marco Fulcheri, del ricordo di Mario Cucco scritto da un suo commilitone di Biella, non sono riuscito a scrivere niente… Chiedo scusa ma anch’io ero commosso. Grazie alla Sezione ed al presidente Fulcheri che hanno voluto il pellegrinaggio, all’artiglierie alpino Alfredo Delleani che ha curato l’organizzazione, al capogruppo di Crespano Pietro Torresan e ai suoi meravigliosi alpini che non ci hanno mai lasciati soli.  

Enzo Grosso



Add some images first for Slideshow:9
  • Val Sangone

    18/12/2016

    Protezione civile

    Nei giorni 7,8,9 Ottobre si è svolta l'esercitazione di protezione civile del 1° Raggruppamento in Val Sangone

    .